mercoledì 24 maggio 2017

Poesia / Ascoltando il Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart (Recordare Jesu pie).


Un pomeriggio passato a casa di due amiche concertiste.
L'interpretazione al pianoforte del Requiem di Mozart.
In me visioni ininterrotte.
Il culmine nella Sequentia, ascoltando il Recordare.

Michela e Daniela Cuschie, grazie.

Irene Navarra, Dalla Terra al Cielo - Miserere, Fotografia e Disegno grafico, 2017.

Onda sonora che si snoda, indugia, sale
come convolvolo di velo.
Lontane le promesse.
Laggiù, oltre le cose della terra,
un albero scandito dentro il cielo
offre i suoi rami millenari.
Pallida seta, l’orizzonte.
Un punto è Luce fulgida di voci.
Rossa di sangue sacro.
Mi lascio andare.
E la corrente
s’increspa in brezza mite.
Sono alla cima ormai.
Vedo l’Eterno facendo schermo
agli occhi con la mano.

So quanto slancio serve ancora
per conquistarti il cuore,
amabile Gesù di festa e pianto.
Chiamami adesso.
Mi librerò leggera.
Sarò una piuma arcobaleno
che si trastulla nella manna del tuo sguardo.


Irene Navarra, Onda di Luce, Disegno grafico, 2017.
E ora il testo latino del Recordare attribuito a Tommaso da Celano (1190 ca. - 1260 ca.). La traduzione (talvolta libera per necessità di senso musicale) è opera mia.


            Recordare Jesu pie,
            quod sum causa tuae viae,
            ne me perdas illa die.
            Quaerens me sedisti lassus,
            redemisti crucem passus;
            tantus labor non sit cassus.
            Juste judex ultionis,
            donum fac remissionis
            ante diem rationis.
            Ingemisco tamquam reus,
            culpa rubet vultus meus:
            supplicanti parce, Deus.
            Qui Mariam absolvisti,
            et latronem exaudisti,
            mihi quoque spem dedisti.
            Preces meae non sunt dignae,
            tu, bonus, fac benigne,
            ne perenni cremer igne.
            Inter oves locum praesta,
            et ab haedis me sequestra,
            statuens in parte dextra.


            Ricordati, Gesù pietoso,
            che sono il motivo del tuo viaggio,
            per non perdermi nel giorno estremo .
            Tu mi cercavi e ti sedesti stanco,
            tu mi hai salvato con il tuo martirio;
            tanto travaglio non sia vano.
            O giusto giudice di punizione,
            dacci la remissione dei peccati
            prima del giorno del giudizio.
            Piango perché sono colpevole,
            il mio volto arrossisce per la colpa:
            risparmia chi ti supplica, o Dio.
            Tu che hai assolto Maria, la Maddalena,
            ed esaudisti anche il ladrone,
            a me pure hai offerto la speranza.
            Le mie preghiere sono indegne,
            ma tu, buono, benignamente fa'
            che io non sia bruciato nell'eterno fuoco.
            Prepara un posto tra gli agnelli,
            e tienmi separato dai capretti,
            lasciandomi sedere alla tua destra.



sabato 20 maggio 2017

Poesia / Vetro (12). Con Giacomo Leopardi.


Siamo agli ultimi versi della silloge Vetro del mio Dettagli (Edizioni della Laguna). La maledizione del vedere tutto, sentire tutto, comprendere tutto è ormai insopportabile. Non esistono vie di salvezza al vivere feroce dei nostri tempi. I Rimedi sono solo escamotage effimeri.
L'universo parallelo costruito di metamorfosi progressive va perdendo ogni Vaghissimo sentore della Luce (in Vetro 7). Ogni possibile sopravvivenza in stati alieni cade miseramente.

Irene Navarra, De profundis, Disegno grafico, 2017.

Ho creduto di vedere Santuari svettanti dall'Oceano.
Sì, l'ho creduto.

Irene Navarra, Dal fondo dell'Oceano / Santuari, Disegno grafico, 2017.
                                                                                                                        
                                                                                                                       12

                                                                                                                        Un passo di esercito incalzante
                                                                                                                        invade qualche volta
                                                                                                                        la pace solenne dell'Oceano.

                                                                                                                                    (Luci abbaglianti infinitesime immediate.
                                                                                                                                    Luci infinite come spilli perforanti
                                                                                                                                    al punto da lasciare il Vuoto
                                                                                                                                    nel cristallino della Fluidità.
                                                                                                                                    S'infrangono di colpo
                                                                                                                                    tutti i veli.
                                                                                                                                    Si staccano gli specchi
                                                                                                                                    dalle vette a picco.
                                                                                                                                    Specchi spezzati nel grigio-blu
                                                                                                                                    del vasto corpo irrigidito.
                                                                                                                                    Il mare è squalo livido. 
                                                                                                                                    Per settemila anni d'incantesimo.)

Allora, quando l'illusione manca e il Vero accampa i suoi vessilli, non mi resta altro che salmodiare sottovoce la sofferta resa di Giacomo Leopardi alla logica della mente. In A se stesso il conflitto cuore-ragione ha un epilogo fatale: chi sa guardare con trasparenza attorno a se intuisce spento persino il desiderio dei "cari inganni". Il male è nell'ordine della Natura. E non vi può essere alcun riparo ultra terram nell'amore per Dio.
Con lucido disincanto so oramai che le uniche certezze al nostro vivere fragile sono la morte e l'infinita vanità del tutto.

Or poserai per sempre,
stanco mio cor. Perì l’inganno estremo,
ch’eterno io mi credei. Perì. Ben sento,
in noi di cari inganni,

non che la speme, il desiderio è spento.
Posa per sempre. Assai
palpitasti. Non val cosa nessuna
i moti tuoi, né di sospiri è degna
la terra. Amaro e noia
la vita, altro mai nulla; e fango è il mondo.
T’acqueta omai. Dispera
l’ultima volta. Al gener nostro il fato
non donò che il morire. Omai disprezza
te, la natura, il brutto
poter che, ascoso, a comun danno impera,
e l’infinita vanità del tutto.



Giacomo Leopardi, A se stesso, in  Canti - Donati / XXVIII, 1917. Fonte: Wikipedia.

mercoledì 17 maggio 2017

Critica sociale / La macchina del fango (con Dante Alighieri).


Esaltare se stessi calunniando gli altri.
Eh, sì! Bel modo di spingersi, corna in resta, contro chi ti turba perché:
evidentemente fornito di competenze specifiche,
capace di esprimerle in modo corretto, elegante,
dedito persino al tacere piuttosto di esporsi al ridicolo del parlare comunque.
Fonte di conoscenza, quindi.
Creatore di Bellezza, insomma.
La Nuda Veritas dovrebbe essere destinata a vincere.
Invece:
la macchina perversa e sempre in funzione del fango trasforma i fiori in guano, i pensieri puri in materiale putrescente, i gesti gentili in veleni.
Guardiamoci in giro e ce ne accorgeremo.
Basta un'occhiata veloce e ci sei. Nel sobbollente mare di sterco, intendo, che soffoca la nostra società malata.
Per i Rimedi ricorro a Dante, l'amato Padre che mi salva dal naufragio e mi ritempra gli umori in virtù della sua vicenda personale, irta di difficoltà all'apparenza insormontabili ma affrontate sempre con intrepida determinazione.
Il tempo contemporaneo ha bisogno di lui.
Noi, piccoli esseri, abbiamo bisogno di trarre forza dal suo esempio per continuare a vivere come Dignità insegna, scansando chi ci intralcia volutamente.
Amen.

Jan Van der Straet, Maestro Adamo e Sinone - Inferno - Canto XXX, Illustrazione, 1587.
- Fonte: Wikipedia -

Nella decima Malabolgia del Cerchio VIII del suo Inferno, Dante Alighieri colloca i falsatori di metalli, persone monete e parole. Questi ultimi sono vessati da una febbre ardente che ne stravolge i sensi. In vita storpiarono il vero con insinuazioni mendaci, ora è quella stessa smania a perseguitarli in carnale tortura eterna.
Egli li rappresenta per antonomasia nella persona di Sinone Greco, colui cioè che, fingendosi abbandonato dai compagni, convinse Priamo a introdurre in Troia il cavallo di legno, e ne favorì la distruzione. Il disprezzo, lo sdegno del Sommo Poeta per tali peccatori si esprimono attraverso l'uso di uno stile aspro dalle sonorità ardite. Le Rime si fanno davvero petrose e la scena si connota di una palese vena grottesca il cui realismo risulta immediatamente fruibile.
Sinone ci si presenta in rissa con Mastro Adamo, falsario di monete. I due non si risparmiano né le ingiurie, né le percosse. Dante guarda e ascolta.

E io a lui: "Chi son li due tapini
che fumman come man bagnate ’l verno,
giacendo stretti a’ tuoi destri confini?".

"Qui li trovai - e poi volta non dierno -",
rispuose, "quando piovvi in questo greppo,
e non credo che dieno in sempiterno.

L’una è la falsa ch’accusò Gioseppo;
l’altr’è ’l falso Sinon greco di Troia:
per febbre aguta gittan tanto leppo".

E l’un di lor, che si recò a noia
forse d’esser nomato sì oscuro,
col pugno li percosse l’epa croia.

Quella sonò come fosse un tamburo;
e mastro Adamo li percosse il volto
col braccio suo, che non parve men duro,

dicendo a lui: "Ancor che mi sia tolto
lo muover per le membra che son gravi,
ho io il braccio a tal mestiere sciolto".

Ond’ei rispuose: "Quando tu andavi
al fuoco, non l’avei tu così presto;
ma sì e più l’avei quando coniavi".
          E l’idropico: "Tu di’ ver di questo:
          ma tu non fosti sì ver testimonio 
          là ’ve del ver fosti a Troia richesto". 

          "S’io dissi falso, e tu falsasti il conio", 
          disse Sinon; "e son qui per un fallo, 
          e tu per più ch’alcun altro demonio!". 

          "Ricorditi, spergiuro, del cavallo", 
          rispuose quel ch’avëa infiata l’epa; 
          "e sieti reo che tutto il mondo sallo!".

          "E te sia rea la sete onde ti crepa", 
          disse ’l Greco, "la lingua, e l’acqua marcia 
          che ’l ventre innanzi a li occhi sì t’assiepa!". 

          Allora il monetier: "Così si squarcia 
          la bocca tua per tuo mal come suole; 
          ché, s’i’ ho sete e omor mi rinfarcia, 

          tu hai l’arsura e ’l capo che ti duole, 
          e per leccar lo specchio di Narcisso, 
          non vorresti a ’nvitar molte parole". 

          Dante Alighieri, La Divina Commedia,
          InfernoCanto XXX, vv. 91 – 129. 
          Fonte: Wikisource

Ciò che conta è l'abiezione della pena e il degrado in cui versano i colpevoli di diffamazione. Ridotti "fuori dei sensi", come lo furono durante la loro meschina esistenza per l'efferatezza del sentire, emanano una puzza d'arso unto (Buti) data dal contrappasso della febbre altissima che li tormenta. Immagine, questa, ben descrittiva della condizione vile di quanti, travolti da un insano fervore, cercano di screditare i mal capitati accidentalmente sulla loro strada, spargendo parole sibilline e ingannevoli.
Semper valet, dunque, la lezione di Dante.

sabato 13 maggio 2017

Non-Haiku / Noterelle un po' critiche 6 (con Antonio de Curtis / Totò).


Questo Frammento poetico potrebbe essere un haiku. Ma non lo è. Esprime un sentimento esistenziale del tutto nostrano. E quando dico nostrano, intendo di verace spirito italico. Chi conosce un po' di storia letteraria e di costume della MadrePatria lo capirà. Non occorre, quindi, che io citi l'italicum acetum di veneranda memoria, gli autori comico-parodici del Medioevo toscano o l'eroicomico poema seicentesco La secchia rapita di Alessandro Tassoni. Noi Italiani possediamo una genetica vena mordace che ci fa ridere e lacrimare assieme.
Niente haiku, pertanto, per raccontare in succinto la singolare unicità di Antonio de Curtis / Totò (quale giapponese potrebbe ispirarglisi e scriverne?). Solo un Frammento di tre versi per diciassette sillabe con punto fermo finale e senza trattino. Un Non-Haiku.

Antonio de Curtis, in arte Totò.
- www.windoweb.it -









Profilo inciso
nell'arco buffamaro
di gioia e pianto.












mercoledì 10 maggio 2017

Poesia / Derive - (Proposito).






Penso ad amare il mio nemico
perché l'assalto che mi dona
lenisce lo scippo della vita.

(In questo mondo feroce non resta altro.)

La lirica, tratta da Derive del 2009, rappresenta un potente mantra di sopravvivenza.
La considero veritiera. Tanto da collocarla come ritratto personale nella Home del mio Sito.






E ora il video.

lunedì 8 maggio 2017

Poesia / Senza Parole - Nel silenzio (Graffiti Writing).


Degrado di parola in formazione
sopra un intonaco scrostato.
Solo il frusciare dello spray
e tutt'al più la notte.
Parla, la notte.
Di grilli, vento.
Sussurra con l’Isonzo
in corsa parallela e piana.

Il Terzo che subito s'invola ha voce.
Ma solo colorata.
Permane un aleggiare di presenza.
Nessuna sillaba sonante.
L'identità diventa traccia pura.

Posi lo sguardo.
La sosta di un momento.
Giri sui tacchi.
Vai.


Le tre Entità: il Graffito, il Lettore, l'Autore (il Terzo, Negatore di per se stesso del principio aristotelico di Auctoritas. Il suo è un Ipse dixit anonimo. Il semplice firmare, spesso, non concretizza la persona).


Irene Navarra, Graffito 2, Fotografia, 2017.
Irene Navarra, Graffito 1, Fotografia, 2017.


























Irene Navarra, Graffito 3, Fotografia, 2017.

Nelle immagini: Graffiti a Gorizia in Via degli Scogli (parallela al corso dell'Isonzo).

domenica 7 maggio 2017

Poesia / Vetro (11). Con Arthur Rimbaud.


Nel mio libro lirico Dettagli (Edizioni della Laguna) Vetro è una silloge della Seconda Parte. Vi racconto la maledizione del vedere tutto, sentire tutto, comprendere tutto.
Ambientata in un SottoMondo marino, propone vie di salvezza al vivere feroce dei nostri tempi. Rimedi. Ciclici come la risacca e la marea.
Creatura in metamorfosi, dunque, costretta a guardare attraverso palpebre cristalline, costruisco un universo parallelo in cui gli stati esistenziali diventano fluidi e si compenetrano in coerenza crescente. La Vita e la Morte si soffondono, così, di un Vaghissimo sentore della Luce (in Vetro 7) che disarticola ogni senso comune favorendo percezioni profonde.

                                                                                                                     11

                                                                                                                      La ciprea scagliata dai marosi
                                                                                                                      sulla spiaggia ciottolosa
                                                                                                                      rotola con rumore di ginepri
                                                                                                                      profanati e trascinati.
                                                                                                                      Lei scheggia le sue anse
                                                                                                                      dolci come segreti di bambina
                                                                                                                      ma dialoga imperterrita
                                                                                                                      parole proibite con il mare.

                                                                                                                                                (Il patto l'ho giurato anch'io.
                                                                                                                                                Negli occhi un guizzo di delfino.
                                                                                                                                                L'ammirazione della bocca
                                                                                                                                                intona canti irrefrenabili,
                                                                                                                                                impetuosa corrente opale chiaro
                                                                                                                                                la mano preme il letto del profondo.

                                                                                                                                                Ho bisbigliato a lungo
                                                                                                                                                la brama dell'incontro.)


Ho visto, quindi so?
Irene Navarra, L'ultima tappa, Disegno grafico, 2017.

Desiderare sempre è il mio destino.
Che io conflagri allora in schiumose particelle.
Perché: Di questo ricercare, / di tanto consenziente naufragare / resta solo un riflesso di lampione. / Di sera. Davanti alla mia casa. / Al fradicio bruire di un rovescio primaverile.

Nel viaggio straordinario fatto di abnorme realtà e totale stravolgimento dei sensi, ho avuto come maestro Arthur Rimbaud con il suo Bateau ivre. Ne rileggo i versi iniziali in rituale sacro. Sono il mantra che mi recito per travalicare i mediocri confini del vero. Sto ancora lottando contro ogni usuale nozione di tempo e di spazio. Per poco, lo so. Tra breve si compirà la retrotrasformazione ultima e io sarò di nuovo umana carne satura di rimpianto per l'infanzia primordiale e unica degli esseri di vetro.

Mentre discendevo lungo Fiumi impassibili,
Sentii di non essere più guidato dai bardotti;
Dei pellerossa urlanti li avevano presi a bersaglio,
Nudi li avevano inchiodati a pali variopinti.

Non mi curavo di avere un equipaggio
Pur carico di grano fiammingo, di cotone inglese.
Quando con i bardotti si spensero i clamori,
I Fiumi mi lasciarono andare a mio volere.

Dentro lo sciabordio furioso delle maree,
L'altro inverno, più sordo di una mente infante,
Io corsi! E le Penisole disincagliate
Mai subirono sconvolgimenti più superbi.

La tempesta ha benedetto i miei risvegli in mare.
Più leggero di un sughero ho danzato sui flutti
Che eternamente trascinano le vittime,
Dieci notti, senza rimpiangere l'occhio frivolo dei fari.

Più dolce che ai fanciulli la polpa d'aspri pomi,
L'acqua verde filtrò nel mio scafo di pino
E delle macchie bluastre di vino e di vomito
Mi lavò, disperdendo timone e ramponi.

Da allora, son immerso nel Poema
Del Mare, infuso d'astri, e lattescente,
Che divora verdi azzurrità, dove, relitto estasiato
E livido, a volte discende pensoso un annegato,

Dove tingendo all'improvviso l'azzurrità, deliri
E ritmi lenti sotto il giorno che s'accende,
Più inebriante dell'alcool, più vaste delle lire,
Fermentano i rossori amari dell'amore!


Libero adattamento dal francese di Irene Navarra.
Fonte per il testo originale: Wikisource (Poésies complètes, avec préface de Paul Verlaine et notes de l’éditeur, L. Vanier, 1895).