lunedì 18 settembre 2017

Poesia / Le solitudini delle case (Nel sogno e oltre - Con Graeme Sims).


Scrive Graeme Sims a pag. 254 del suo libro Una meravigliosa vita da cani (Sperling e Kupfer, 2011):
"Il legame con un cane può durare oltre dieci anni, e può essere meraviglioso se gestito nel modo giusto, ma anche più brutto di quanto avreste mai potuto immaginare se impostato nel modo sbagliato (e sarà il vostro cane quello che soffrirà di più).
Lo dovete a lui, a voi e a quelli intorno a voi. Siete voi che scegliete: fatelo bene, e assicuratevi di abbinare il vostro stile di vita e il vostro carattere al cane giusto. Una persona molto impegnata, con poco tempo libero a disposizione, deve valutare seriamente il desiderio di tenere un cane. Il dono più grande che potete fargli è dedicare del tempo al suo benessere. Se siete oberati da altri impegni, allora è meglio non prenderne."

Sono parole sacrosante. Tutti noi dovremmo meditare molto seriamente sul loro significato. Se lo si facesse, e si aprisse il nostro cuore alla comprensione del mondo animale, ci sarebbe più felicità condivisa. E un'energia positiva farebbe brillare i nostri brevi giorni su questa Terra, che spesso non ci meritiamo.

Immagine Pixabay (ractapopulos).

Nel sogno e oltre / Per un cane speciale che non conosce l'amore.

Cane dal manto bianco a macchie rame,
ho il tuo musetto da Snoopyno accanto
nel sogno azzurro che mi culla
mentre danza l’Alba.

Un fremito di ciglia e poi la luce
avanza da nemica satura di strazio.
Così la realtà si fa per me di lama viva

                          (Grondano le pareti del tuo pianto
                           di creatura orfana di storia.)

Da ricordare:

Nell’ ordinamento attuale il sentimento per gli animali trova tutela costituzionale e riconoscimento nel diritto comunitario, anche alla luce della Legge 4 novembre 2010, n. 201 ˗ ratificante la Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, adottata a Strasburgo il 13 novembre 1987 ˗ secondo la quale “deve essere riconosciuto un vero e proprio diritto soggettivo all’animale da compagnia”.
Questo è stato stabilito di recente dalla nona sezione civile del tribunale di Milano, con Decreto del 13 marzo 2013, quando ha affermato il principio per cui l’animale non può più essere collocato nell’area semantica concettuale delle “cose” ex articolo 923 del Codice Civile, dovendo essere riconosciuto come “essere senziente”, vale a dire come soggetto non umano capace di avere sensazioni ed esperienze. Gli animali infatti sono essere sensibili, provano la contentezza ed il dolore sia fisico che psichico, hanno una certa forma di intelligenza che permette loro di capire.

Qui se volete saperne di più sul Codice di diritto animale pubblicato nel luglio di quest'anno per cura di Raffaele Guariniello.

domenica 17 settembre 2017

Poesia / La terra, la visione (Le nostre radici 1).


In queste liriche ci sono tre mondi: quello di Emma Golden Retriever che non c'è più, quello di Pablo Golden Retriever che ora mi scorta complice nelle avventure quotidiane lungo magnifici sentieri  di campagna, e il mio.
Ogni piccola scoperta, un evento magico.
Ogni passo tra i folti ciuffi d'erba dei vasti incolti che percorro di giorno in giorno, un respiro profondo di appagamento e gratitudine per quanto mi è concesso. Condividere, poi, con un amico a quattro zampe tanta beatitudine significa cogliere meglio le sinestesie del Creato.

Qui se vuoi saperne di più su La terra, la visione (Gorizia e dintorni tra realtà e sogno) le cui immagini sono costituite dalle opere ad acquerello e olio del pittore Roberto Faganel.
Le magistrali traduzioni sono di Jolka Milič (Grande ufficiale dell'Ordine della Stella della solidarietà italiana concessa dal Presidente della repubblica Ciampi nel 2005) e di Gloria Angeli dell'Università di Udine.
L'Introduzione è stata curata da Silvia Valenti, critico d'arte e orafa. Qui il suo sito e Qui  la sua Presentazione del libro.


Roberto Faganel, Le nostre radici, Acrilico su tavola, 1984.


Le nostre radici 1

Cerchi di tini rossocrosta di antiruggine.

(Sarebbe bello accoccolarmi nella loro curva
e prendere a ruotare come un Momix
di qualche magra fiera paesana.)

Calcina, verderame: fondali e paradisi
a doghe in sfascio. Relitti di un’Arca
singolare che navigò l’Apocalisse
per poi schiantarsi qui.
In questo fiume che conosce
nome a nome i morti
curandone
impossibili apparenze.

(Bisaccia sulla spalla
e nelle tasche semi di radicchio
più cari dei coralli di rosario.
Contati. Soppesati.
Avvolti in fazzoletti.

Quasi creature da ninnare
in ceste con decori di robinia.)


Roberto Faganel, Le nostre radici - Frammenti, Acrilico su tavola, 1984.


Naše korenine 1

Obroči čebrov, skorjasto rdeči od premaza proti rjavenju.

(Kako lepo bi bilo, ko bi se čepe v njihovi
krivulji začela vrteti kot eden od Momixov
na kakšnem bolj revnem vaškem sejmu.)

Gašeno apno, zeleni volk: ozadja in nebesa
iz razsutih dog. Razbitine prav posebne
barke, ki je preplula apokalipso,
da se je potem tule razbila.
V tej reki, ki pozna
vse mrliče poimensko
in goji nemogoče
zunanje videze.

(Z bisago na rami
in s semeni radiča v žepih,
ljubših od korald rožnega venca.
Preštetih. Potežkanih.
Zavitih v robcih.

Skoraj bitja za ujčkanje
v košarah z okraski iz robinije.)

(Traduzione in lingua slovena di Jolka Milič.)


Lis nestris lidrîs 1

Cerclis di brentiei ros croste di antirusin.

(Al sarès biel scrufuiâmi te lôr curve
e cjapâ a rodolâ come un Momix
di cualchi sagre magre di paîs.)

Cjalcine, verderam: fondâi e paradîs
a dovis in ruvine. Relits di un’Arcje
singolâr che e navigà l’apocalìs
par dopo vignî a sbati culì.
In chest flum che al cognòs
non par non i muarts
curantint
aparencis impussibilis.

(Carnîr su pe spale
e tes sachetis samencis di lidric
plui cjaris dai corai di rosari.
Contâts. Stazâts.
Invuluçâts in façolets.

Cuasi creaturis di drindulâ
in cos cun decorazions di robinie.)

(Traduzione in lingua friulana di Gloria Angeli.)

lunedì 11 settembre 2017

Poesia / Le solitudini delle case (Esistere malgrado).


Quante volte ci è capitato di incontrare questo sguardo di cane? Quante volte abbiamo percepito il suo piccolo mondo denso di solitudine infinita chiuso dietro la rete di un giardino? Abbiamo distolto lo sguardo?
Oh, sì!
Un graffio di disagio nel cuore, una minima ferita nella mente e via.
Ma ‐ mi chiedo ‐ come si può?
Come si può permettere che una creatura nata per una gioiosa condivisione di vita con il proprio compagno umano venga dimenticata e segregata in uno spazio limitato con gli stessi odori, gli stessi alberi, lo stesso cielo, il freddo intenso, il caldo atroce, la pioggia battente, i nubifragi, i tuoni, i fulmini, gli spaventosi fuochi artificiali di fine anno, nessuna compagnia?
Il cane è un essere sociale.
Il cane non è una cosa di cui disporre a piacimento.
Il cane è un essere senziente.
L’ha ribadito più volte il Consiglio d’Europa dal 1987 a oggi. E l’ha ratificato la IX sezione civile del Tribunale di Milano, con Decreto del 13 marzo 2013, quando ha affermato il principio per cui l’animale non può più essere collocato nell’area semantica delle “cose” dovendosi riconoscere come “essere senziente”, vale a dire come soggetto non umano capace di avere sensazioni ed esperienze.
Perciò: non giriamo gli occhi da un’altra parte davanti al dolore dei nostri amici a quattro zampe. Segnaliamolo. Così loro, sereni di un benessere maggiore, culleranno le nostre notti con voce amichevole.

Immagine Pixabay.

Il nulla attorno.
Il nulla nella casa
che non sa il tuo odore.
E tu, cane da solo
dentro il nulla,
aspetti.

(Ti ho riservato un posto
fresco di carezze.
Vieni.)

1 agosto 2017

Nello scorso mese di luglio è stato pubblicato il Codice di diritto animale che raccoglie, per la prima volta in Italia, norme, regolamenti, casi, giurisprudenza, diritti, doveri e rischi relativi al rapporto con gli animali d'affezione. Redatto da due attivisti Lav (Andrea Cristofori e Alessandro Fazzi), ha un padrino autorevole: l’ex pm torinese Raffaele Guariniello. Il magistrato, nell’Introduzione all’opera, insiste sulla necessità di rafforzare la tutela dei diritti degli animali chiarendo che: «Nel nostro Paese, le norme a tutela dei diritti degli animali possono e debbono essere ulteriormente rafforzate ma già oggi impongono interventi potenzialmente efficaci. Oggi, a differenza di ieri, fare giustizia non vuol più dire occuparsi soltanto di criminalità in danno dell'uomo. Oggi vuol anche dire proteggere la vita, l'integrità, il benessere, la dignità degli animali». E aggiunge « Sorprende, da questo angolo visuale, ed è deleteria, la scarsa diffusione tra gli operatori dei principi che governano la protezione degli animali sul piano internazionale e nazionale. Il fatto è che non basta avere buone leggi di facciata scritte sulla carta. Ed è purtroppo la larga disapplicazione delle norme vigenti uno dei fenomeni che più caratterizzano l'Italia e non solo l'Italia. In alcune zone del nostro Paese, i processi penali per reati lesivi degli animali proprio non si fanno, mentre in altre zone si fanno, ma spesso con una tale lentezza che prima di arrivare al verdetto finale si concludono con la prescrizione del reato. La conseguenza è devastante. Si diffonde nella sostanziale indifferenza di pur autorevoli istituzioni un senso d'impunità, l'idea che le regole ci sono, ma che si possono violare senza incorrere in effettive responsabilità. E si diffonde un altrettanto devastante senso di giustizia negata».

domenica 20 agosto 2017

Poesia / Le solitudini delle case (Il silenzio).


Irene Navarra, Il silenzio, Fotografia e Grafica, 1 agosto 2017.









Il muro, le sue crepe, tegole vecchie, cespugli
ricresciuti dopo il taglio di due anni fa.
E dietro, tra l’eco di sospiri
e imprecazioni spente
a poco a poco, cresce
si gonfia esplode
la solitudine
più densa.

S’insinua nello sguardo
la sua sottile vena di silenzio.
Ambiguamente.
Come se una presenza
tentasse di parlare linguaggi
privi di parole.

2 agosto 2017










mercoledì 16 agosto 2017

Poesia / Le solitudini delle case (Preludio: Il rovescio della medaglia).


Irene Navarra, In Via dei Campi, Fotografia e Grafica, 1 agosto 2017.

Il rovescio della medaglia

Sul rovescio della medaglia
scivolo in fretta mentre guardo
i barattoli sonanti attaccati
ai miei giorni che vanno.

            (Sarebbe bello passeggiare
            nel sole caldo di una domenica
            d'agosto in abiti sottili sotto
            persiane misteriose
            incollate dalla luce.)

La sensazione è che la vita sia tra
lampade e tappeti mai guardati. Là
dove ti sembra che la festa debba
ancora incominciare. Nel bar
dell'angolo o nel giardino
accanto. Non ha importanza.

Questa però è la grande beffa:
da soli o in compagnia è facile cadere,
mettere il piede in fallo e rotolare
nella visione che non è mai tua.
Nei non-colori di una domenica d'agosto,
dietro persiane come palpebre assonnate.






Critica letteraria / Le "Lezioni americane" di Italo Calvino per il nuovo millennio - Persistenze valoriali (4).



Irene Navarra, Italo Calvino, Pastello a olio e Grafica, 2011.
La Visibilità. “L’immaginazione come repertorio del potenziale, dell’ipotetico, di ciò che non è né è stato né forse sarà ma che avrebbe potuto essere” (ibidem, p. 102). È una delle definizioni della ricerca di Calvino. Quella in cui si riconosce pienamente. Ancora: lo spiritus phantasticus di Giordano Bruno, foriero di traslati in modificazione evolutiva. Possibile e impossibile che si riversano l’uno nell’altro, con spontaneità d’estro o con dipendenza culturale. Il risultato può essere interessante specie se sottratto alla civiltà delle immagini preconfezionate, veri e propri virus dell’autentica fantasia fatta di malie esperienziali, e di balzi al di là di esse. Dante che ci porta al Paradiso, ce lo spiega e dispiega con quanto la memoria ha potuto trattenere del suo viaggio. Folgorazioni di fuoco, gemme preziose. La metafisica della luce trionfa in ogni aspetto del regno di Dio e riverbera nel sorriso di Beatrice. L’Alighieri pensa tramite visioni, offre, da grande scenografo, vastissimi quadri che paradossalmente esprimono una verità inconfutabile: più astratto è il concetto da dimostrare più materico deve esserne lo specchio espositivo. Perché la facoltà immaginativa, nella condizione dell’excessus mentis, che trascende gli schemi della capacità sensibile, non è in grado di esercitare il suo compito di raccolta/elaborazione dei dati fenomenici. Si perde pertanto la vista fisica e si apre l’oltrefisica. Lo scrittore diventa veggente e ruba il fuoco prometeicoAllora, basterebbe rileggerlo con mente chiara, il sommo poeta fiorentino, per saperne di più sulla Visibilità. A metà tra la conoscenza mistica del cosmo e la ricognizione minuziosa dei fatti.
Formula calviniana risolutiva del problema: tendenza all’infinito dell’immaginazione + tendenza all’infinito della contingenza esperibile + tendenza all’infinito delle possibilità linguistiche della scrittura = prodotto letterario. Per dirla in termini di semplice operazione sommatoria integrata con l’aiuto beffardo della techne: lo scrittore prima si volge all’intensività e poi, inevitabilmente, all’estensività. Quasi un Dio dunque. Quasi, dato che per Dio questa e quella coincidono.
(continua)

Dallo Speciale Cultura di Voce Isontina dell'11 febbraio 2011

giovedì 3 agosto 2017

Poesia / Frammento 16 (Un ricordo).


Tre piccole candele-cactus.
Un dono di chi amavo.
Amavo.
Ora non più.

Irene Navarra, Tricactus, China - Acquerello - Grafica, 2017.