mercoledì 26 aprile 2017

Poesia / Dettagli - Vetro (3).


Nel mio libro lirico Dettagli (Edizioni della Laguna) Vetro è una silloge della Seconda Parte. Vi racconto la maledizione del vedere tutto, sentire tutto, comprendere tutto.
Ambientata in un SottoMondo marino propone vie di salvezza al vivere feroce dei nostri tempi.
Rimedi. Ciclici come la risacca e la marea.
Creatura in metamorfosi, dunque, costretta a guardare attraverso palpebre cristalline, costruisco un universo parallelo in cui gli stati esistenziali diventano fluidi e si compenetrano in coerenza crescente. La Vita e la Morte si soffondono, così, di un Vaghissimo sentore della Luce che disarticola ogni senso comune favorendo percezioni profonde.

Irene Navarra, Cimitero marino, Disegno grafico, 2017.

                                                                                                                  3

                                                                                                                  Addormentarsi lentamente
                                                                                                                  nel cimitero di creature
                                                                                                                  vive fino alla risacca. 
                                                                                                                 
                                                                                                                  Travolte poi come turaccioli.
                                                                                                                  Sommerse coi sonanti gusci
                                                                                                                  di conchiglie in cui c'è solo
                                                                                                                  sguardo d'acqua limpida.
                                                                                                               
                                                                                                                                  (Così confonderò fantasmi e onde.)

Poesia / Dettagli - Vetro (2).


Nel mio libro lirico Dettagli (Edizioni della Laguna) Vetro è una silloge della Seconda Parte. Vi racconto la maledizione del vedere tutto, sentire tutto, comprendere tutto.
Ambientata in un SottoMondo marino propone vie di salvezza al vivere feroce dei nostri tempi.
Rimedi. Ciclici come la risacca e la marea.
Creatura in metamorfosi, dunque, costretta a guardare attraverso palpebre cristalline, costruisco un universo parallelo in cui gli stati esistenziali diventano fluidi e si compenetrano in coerenza crescente. La Vita e la Morte si soffondono, così, di un Vaghissimo sentore della Luce che disarticola ogni senso comune favorendo percezioni profonde.

Irene Navarra, Medusa, Disegno grafico, 2017.

2

Sui sassi bianchi di una spiaggia solitaria
sciogliersi come un corpo di medusa.
Unirsi pigra dondolante al mare
con l'alga che ti mangia il cuore.


(Se la marea montante
richiede il tuo colore.)


martedì 25 aprile 2017

Poesia / Dettagli - Vetro (1).

Nel mio libro lirico Dettagli (Edizioni della Laguna) Vetro è una silloge della Seconda Parte. Vi racconto la maledizione del vedere tutto, sentire tutto, comprendere tutto. Ambientata in un SottoMondo marino propone vie di salvezza al vivere feroce dei nostri tempi.
Rimedi. Ciclici come la risacca e la marea.
Creatura in metamorfosi, dunque, costretta a guardare attraverso palpebre cristalline, costruisco un universo parallelo in cui gli stati esistenziali diventano fluidi e si compenetrano in coerenza crescente. La Vita e la Morte si soffondono, così, di un Vaghissimo sentore della Luce che disarticola ogni senso comune favorendo percezioni profonde.

Irene Navarra, Vetro 1 / Liquidamente, Disegno grafico, 2017.

                                                                               1
                                                                               
                                                                               Determinata voglio non guardare.
                                                                               Ma gli occhi hanno palpebre di vetro.
                                                                               E sono tanti quanti i pori della pelle.

                                                                                                     (Vedere sempre è una maledizione.)


domenica 23 aprile 2017

Poesia / Senza parole - Identità (Con Sylvia Plath).


Di Poesia è fatto il mio cammino.
Senza la Poesia io sono niente.

Sapere la propria Identità.
Irene Navarra, Il mio cammino, Disegno grafico, 2017.

Finché c'è Lei, io non ho Limite.
Il Limite di Silvia Plath che lascia i figli nella culla e compie l'ultimo volo.
Lei non aveva più nemmeno quella. La Poesia, intendo.
Così, mentre la leggo e l'amo d'amore immenso, proseguo ―  passo dopo passo ― con lo sguardo teso all'orizzonte.
Non oltre, adesso.
No.
Limite

La donna è perfezione.
Il suo corpo

Morto ha il sorriso della compiutezza,
Un'illusione di una greca necessità

Fluisce nelle pieghe della sua toga,
I suoi nudi

Piedi sembrano dire:
Abbiamo fatto tanto cammino, è finita.

Da Ariel di Sylvia Plath.


Edge

The woman is perfected.
Her dead

Body wears the smile of accomplishment,
The illusion of a Greek necessity

Flows in the scrolls of her toga,
Her bare

Feet seem to be saying:
We have come so far, it is over.

From Ariel by Sylvia Plath.

E ora il video

sabato 22 aprile 2017

Poesia / La terra, la visione - Sambuco in fiore.


Irene Navarra, Sambuco in fiore, Fotografia e Grafica, 2017.








Sta succedendo di nuovo.
Il sambuco è in fiore.
E il suo profumo dilaga.
Inebriante.


Sambuco in fiore.
Larghe scodelle colme di fragranza
esplodono corolle infinitesime
su steli stretti in mazzi
come fiotto di sorgente.
Discorrono con uve burbere
avviluppate al tronco
da gigante primitivo.

                    (Il vino della mia campagna
                    sa qualche volta di anice stellato.)



Qui per saperne di più sul mio libro.





giovedì 20 aprile 2017

Poesia / Haiku - Di soglia in soglia.


Equilibrando
fluide tracce mutano
di soglia in soglia.

Lightly harmonizing
liquid traces change themselves – 
Threshold by threshold.

Le nostre radici si cambieranno in ali.
Irene Navarra, Mutazioni, Disegno grafico, 2017.

mercoledì 19 aprile 2017

Poesia / Senza parole - Rosso veneziano (con i Queen).


Rosso.
Cristalli accesi di tramonto
fissato sulla carta
alla sua anima immortale.
Fulgore di un ricordo.
Musica pulsante.

Un ricordo.
Irene Navarra, Rosso veneziano, Acquerello, 1986.

L'acquerello è veneziano di nascita.
Incantata dal riverbero scarlatto del sole al tramonto sulle esposizioni delle botteghe vetrarie, l'avevo accennato d'istinto con i miei minigodet da viaggio. E ciò mentre ascoltavo One Vision dei Queen (One flash of light yeah one God one vision...).
Il tratti di china, le ditate, i graffi sono lavoro del dopo.